Linea vita

 

Cos’è una linea vita e cosa non lo è?

Linea vita: una linea, ovvero un cavo od un binario rigido, orizzontale, inclinato o verticale, su cui scorre un elemento di connessione, quale un moschettone, una navetta, un carrello… collegato all’imbracatura indossata da un operatore. Non deve avere per forza un andamento rettilineo, ma può presentare delle curve, incrociarsi con altre linee, seguire l’andamento del colmo di un tetto o l’andamento articolato di una parete.

Non sono linee vita tutti quei casi nei quali non è previsto lo scorrimento di un connettore (o moschettone) collegato ad un imbracatura indossata da un operatore: un parapetto oppure un ancoraggio singolo od un insieme di dispositivi di ancoraggio singoli, anche se installati in serie.

Per garantire la sicurezza durante i lavori in quota di piccola entità non ci sono alternative alle linee vita, ma l’obbligo effettivo di installazione ed il momento in cui installare una linea vita viene sempre definito da leggi di tipo locale. Ovviamente il momento ideale per il montaggio di una linea di ancoraggio sul tetto della propria abitazione è quello in cui il tetto stesso viene realizzato od in occasione di una manutenzione straordinaria. In queste fasi risultano infatti esposte le parti della struttura a cui fissare gli elementi della linea vita.

La linea di ancoraggio ed eventualmente gli ancoraggi che La integrano si utilizzano per lavori di piccola entità e di breve durata (sostituzione di alcune tegole del tetto, realizzazione di una toppa nella guaina, pulizia delle grondaie, pulizia di un impianto fotovoltaico, manutenzione di un antenna televisiva, manutenzione di un’unità esterna di un condizionatore…) o quando ci si trova nella situazione in cui non sia possibile l’installazione di un sistema di protezione collettivo.

Il progetto deve essere redatto da un professionista, che al termine dei lavori di posa, sottoscriva la relazione di calcolo attestante la corretta installazione che avviene a carico di operatori formati ed esperti (il posatore deve rilasciare l’attestazione di corretta posa).

NORMATIVE DI RIFERIMENTO:

  • UNI EN 795:2012
  • UNI EN 11560:2014
  • UNI EN 11158:2015

La corretta installazione di un dispositivo anticaduta (Linea Vita) non è sufficiente a garantire il buon funzionamento dello stesso nel tempo. L’usura infatti può mettere a rischio la sicurezza degli operatori che ne fanno utilizzo.

Esistono diversi tipologie di questi dispositivi, linee vita in orizzontali ed inclinate-verticali,  flessibili e rigide, permanenti e temporanee/portatili.

Polistirolo 2000 non poteva lasciare questo settore scoperto, sempre nell’ottica di garantire al cliente un servizio completo e sicuro, quindi ha deciso di collaborare con l’azienda Rego, azienda che risponde ai più alti standard di sicurezza in materia e rispetta le normative tecniche nazionali e comunitarie UNI EN 795:2012, UNI EN CEN/TS 16415:2013 e UNI 11578:2015 in materia di ancoraggio.

L’offerta Rego comprende i seguenti modelli:

  • H-STOP: linea vita dotata di ancoraggi indeformabili in tondo pieno. Supporta fino a 4 operatori in simultanea.
  • H-STOP HI: innovativi ancoraggi in lega di alluminio. Supporta fino a 3 operatori in simultanea.
  • V-STOP: la soluzione perfetta per superfici piane ed applicazioni a parete. Supporta fino a 4 operatori in simultanea.
  • F-STOP: linea vita con ancoraggi abbattibili e direzionabili che riducono le oscillazioni in caso di azionamento del sistema. Ideale per coperture metalliche e lamiere. Supporta fino a 3 operatori in simultanea.

La gamma di linee vita Rego certificate come tipo C coniuga funzionalità e sicurezza ad un design essenziale, dal basso impatto visivo, che offre soluzioni versatili e personalizzate, da utilizzare in ambito civile, industriale e negli interventi su beni di interesse storico e architettonico.